Centro Antiviolenza "LA NARA"

La violenza domestica in tutte le sue forme non è un conflitto , ma costituisce un esercizio potere,
una gravissima violazione dei diritti umani e una discriminazione sociale, economica, culturale, esistenziale, giuridica.
(WalKer, 1979/2000)


 CENTRO ANTIVIOLENZA LA NARA

Il centro antiviolenza la Nara  è attivo dal 1997, gestita  da Alice cooperativa sociale onlus-Prato.

E’ sostenuto a livello economico dal Comune e  Provincia di Prato e con attività di  autofinanziamento.

 FINALITA’

Il centro antiviolenza La Nara è un progetto sociale e politico: intende provocare un processo di cambiamento rispetto al problema della violenza fisica, psicologica, economica, sessuale esercitata sulle donne di qualsiasi provenienza, età, professione, religione.

 Attraverso relazioni con altre donne professionalmente competenti , il centro sostiene la donna e i sui figli/e nel percorso di uscita dalla violenza, nel recupero della propria autonomia e nella reintegrazione sociale. Vengono garantiti segretezza e anonimato.

 SERVIZI OFFERTI

 Ascolto e accoglienza della donna nella richiesta di aiuto

  • Linea telefonica
  •  Colloqui individuali
  • Consulenze psico-sociale e socio educative
  •  Consulenze legali e affiancamento durante l’iter processuali e nelle procedure di richiesta di gratuito patrocinio
  •  Informazioni sui servizi territoriali riguardanti: salute, lavoro, istruzione, formazione ,tempo libero.
  •  Accoglienza temporanea nella casa ad indirizzo segreto per messa in protezione
  • Valutazione capacità  genitoriali e sostegno ai figli
  • Sostegno nella ricerca del lavoro e della casa

 CENTRALINO TELEFONICO                   0574 34472


 Dal lunedì al giovedì   9.00 -13.00      15.00-18.00

Il venerdì              9.00 -13.00

 Segreteria telefonica attiva tutti i giorni 24 ore su 24.

PROGETTO "PERCORSI DI LIBERTA'" NOV 2012/APR 2014

Il progetto Ministeriale Percorsi di Libertà ha avuto, come principale obiettivo quello di rafforzare le azioni di prevenzione e contrasto al fenomeno della violenza di genere attraverso la creazione di una rete sinergica, formale e operativa, tra istituzioni, enti pubblici e privato sociale.

Il perseguimento di tale obiettivo ha seguito una logica di presa in carico globale della donna che subisce violenza familiare, tenendo in considerazione il piano sociale, educativo, clinico, sanitario e giudiziario, al fine di fornire rispostre efficaci, qualificate, tempestive, concrete e sistemiche. All'interno del progetto sono state realizzate azioni mirate al potenziamento della rete di contrasto già esistente, con un incremento della qualità e delle prestazioni offerte.

Le principali azioni svolte sono state:

  • Apertura di sportelli di ascolto decentrati del Centro Antiviolenza La Nara presso tutti i Comuni della Provincia di Prato
  • orientamento, tutoring e accompagnamento alla ricerca del lavoro e della casa
  • attivazione di uno sportello online rivolto agli studenti delle scuole di istruzione secondaria di secondo grado
  • elaborazione sinergica di procedure standard di intervento interdisciplinare e multidisciplinare per le varie fasi di presa in carico della donna vittima di violenza

Sebbene gli accessi delle donne agli sportelli abbiano raccolto livelli disomogenei di partecipazione, in generale, durante il periodo di apertura, sono state raccolte 56 richieste d'aiuto da parte di donne italiane e straniere. L'attivazione di sportelli del Centro Antiviolenza La Nara dislocati su tutto il territorio della Provincia, può essere considerata solo un punto di partenza: riteniamo infatti che sia necessario ulteriore tempo affinchè la presenza di tale servizio possa avere l'opportunità di essere conosciuta e riconosciuta, diffusa e radicata sul territorio; al Centro La Nara stesso sono serviti anni di sensibilizzazione e contatti con la rete, prima di ottenere la visibilità ed il riconosxcimento che, ad oggi, lo contraddistinguono.

  • NARA MARCONI